Torta al profumo di casa, cannella, mela e zenzero - Walk in the rain

/
0 Comments


"... Ah l'amore. Che tasto meraviglioso e delicato. Alice era un'anima pura che abbraccia la vita correndole incontro a braccia aperte, ma spesso si era trovata a stringere solo vento che sferza, ristora, abbatte e fugge via ed altre si era scontrata con muri di indifferenza e di falsità crepati dall'amarezza e dalla delusione. "Come si riconosce l'amore?" Aveva chiesto un giorno a nonna Irma mente impastavano una ciambella con farina di castagne, cioccolato, mele e noci. La nonna l'aveva osservata, dietro i suoi occhi velati da una fitta trama di ricordi, lacrime e risate e le aveva risposto sorridendo: "dall'odore". Alice si era messa a ridere rumorosamente sollevando nuvole di farina, buonumore e zucchero a velo. "Come dall'odore? Perché nonna che odore deve avere la persona giusta per me?". Irma sorrise, un sorriso che Alice non avrebbe mai dimenticato e mentre continuava ad impastare con lo sguardo rivolto alla ciotola con gli ingredienti sussurrò: "il profumo di casa"..." 


Se volete leggere il resto del racconto cliccate su Walk in the rain


Torta al profumo di casa, cannella, mele, zenzero, castagne




Buongiorno sognatrici! Un risveglio profumato questa mattina, un risveglio che sa di casa, autunno, calore, di un abbraccio confortevole, d'amore. Per il dolce di oggi ho preso ispirazione dalla ricetta delle "ciambelle alla banana" della persona speciale a cui è dedicato il racconto "Walk in the rain", che è liberamente ispirato alla sua meravigliosa storia ed alla sua anima, ma come ogni mio racconto, é frutto della mia fantasia. Tra le sue merabigliose ricette questa è una delle mie preferite, la trovate sul suo libro, che vi consiglio caldamente di acquistare o regalare per Natale, per le ricette, ma soprattutto per le "parole" che riflettono luce anche nelle giornate più cupe! Lei è fatta così di luce e calore e sono felice di averla conosciuta! Avete capito di chi si tratta? Ormai è semplice indovinare... Ve lo dirò prestissimo... Intanto vi lascio la ricetta, un po' modificata perché non avevo tutti gli ingredienti in casa e per assecondare i gusti del mio aiuto cuochino! ;) Pronte a prendere appunti? Ps è una delle ciambelle più soffici che abbia mai assaggiato, sa di nuvole e leggerezza...


Ingredienti
(per 4 stampi piccoli da ciambella)

80 gr di burro
70 gr di zucchero a velo
70 gr circa di farina per dolci
50 gr circa di farina di castagne
2 uova
circa una bustina di lievito per dolci
cannella qb
1 mela 
essenza liquida di zenzero
una decina di noci pecan


Preparare questa torta è semplicissimo e da una soddisfazione enorme. Per primissima cosa lavate e sbucciate la mela e tagliatela a pezzettini dopo aver tolto il torsolo. Quindi, dopo averla passata in una spolverata di cannella, mettetela a cuocere in un pentolino con l'essenza di zenzero ed un goccio d'acqua. Cuocete finché le mele non si saranno leggermente ammorbidite. Lasciate raffreddare. A parte lavorate il burro a temperatura ambiente, insieme allo zucchero a velo, con l'aiuto di un'impastatrice o di una frusta elettrica (io che non ho la prima ho usato la seconda), poi aggiungete le uova e continuate a girare. Setacciare farine e lievito (e se volete ancora una spolverata di cannella, io l'ho aggiunta perché per me la cannella non è mai abbastanza) ed incorporare all'impasto di zucchero, uova e burro, Per ultimo aggiungere le mele, leggermente infarinate e le noci pecan tritate grossolanamente. Mettere il composto negli stampi precedentemente imburrati ed infarinati ed infornare (preriscaldato a 180° per 35-45 minuti a seconda dei tempi di cottura del vostro forno. Per cottura nel fornetto invece ho inziato a cuocere a 160° in forno statico e dopo la lievitazione ho atteso una decina di minuti ed abbassato a 150° fino a fine cottura. Farà fede la prova stecchino. A cottura ultimata togliere dal forno lasciare intepidire, togliere le ciambelle dalle formine e spolverare con zucchero a velo!  Et voilà in poche semplicissime mosse le vostre ciambelle al profumo di casa sono pronte! ;)


La rifarò prestissimo di sicuro. La soddisfazione enorme deriva anche dal fatto che è stato il mio primo successo dopo aver comprato il fornetto elettrico "Sfornatutto DeLonghi". Qui nella casetta milanese "taaac taaac", modello Pozzetto nel film "Il ragazzo di campagna" il padrone di casa non ci fa mettere il forno perché altrimenti gli costerebbe troppo e gli rovineremmo la cucina... tre ante in tutto ;-0 Così ci siamo dovuti adattare ed abbiamo ripiegato sul fornetto. Io e l'amico fornetto ci abbiamo messo un attimo a carburare, anche perché cuoce molto più velocemente di un forno normale ed in minor tempo, ma una volta rotto il ghiaccio, mi ha dato grandi soddisfazioni. Queste ciambelle sono state il primo successo con il fornetto, hanno sengato un momento importante e saranno un po' il mio dolce portafortuna. Non pensate anche voi che siano venute benissimo? E che buone.... :D


Queste ciambelle sono un'ottima merenda servite con un té caldo che sappia di Natale, ma sono sublimi anche a colazione. Io le ho mangiate bevendo l'immancabile latte di mandorle! E voi come le mangerete?


Nel mio racconto "Walk in the rain" questo è un dolce che evoca ricordi, che sa d'amore e profuma di casa.  E voi lo avete un piatto che, solo sentendone il profumo, vi riporti a casa? Il mio è la torta al cioccolato che mia mamma preparava per ogni compleanno quand'ero piccola.  Mi riporta alla magia dell'infanzia, quando tutto ti sembra possibile ed alla magia del Natale, fatto di calore, amore e speranza. 


Arrivederci mie dolci sognatrici! Vi lascio con queste meravigliose ciambelle soffici come un abbraccio e vi do appuntamento alla prossima ricetta. Che cosa sarà? Dolce o salato? Vi lascio un indizio... profumo d'arancia... :)


Se cucinando questte meravigliose ciambelle o leggendo il racconto volete ascoltare la canzone che da il titolo alla storia cliccate su Walk in the rain - Passenger



Potrebbero interessarti

Nessun commento:

Powered by Blogger.